“Un faro che non deve spegnersi”. L’appello di Don Fabio contro lo spaccio di droga

Pubblicato da Redazione il

Dopo gli arresti per spaccio di droga nella nostra cittadina di Misilmeri, scende in campo anche la Chiesa con un accorato appello di Don Fabio Zaffuto, parroco del “Cuore Immacolato di Maria”.

“In questi giorni mi sono confrontato con i miei collaboratori, coordinatori di gruppi, educatori, associazioni e movimenti parrocchiali sulle recenti notizie di cronaca che continuano a lacerare, non solo il tessuto sociale della nostra cittadina, ma anche il nostro cuore – dice don Fabio –. Ci umiliano e ci addolorano le gravi notizie di giovani che vengono resi schiavi della tossicodipendenza da droghe o da alcol. Un dolore che sgomenta e disorienta, perché ci fa sentire inutili e incapaci di contrastare il dilagare di una pseudo cultura di libertà e di felicità, che distrae la mente e la coscienza di tanti giovani miei coetanei dalla bellezza e dalla verità della vita. Ancora una volta, infatti, la cronaca ci ricorda questa triste realtà, cronaca nera a Misilmeri, di un infame e miserabile commercio di droga, di trafficanti senza scrupoli, che attirano nelle loro trappole illusorie, innocenti e indifesi figli, giovani e anche ragazzini. La vicenda del traffico di droga in paese – continua il sacerdote – è emersa per via di alcune mamme che con coraggio hanno denunciato i pusher fornendo importanti informazioni per le indagini, a loro va il nostro plauso. Con determinazione queste famiglie hanno acceso un faro che non deve spegnersi. Ancora in troppi, infatti, sottovalutano i risvolti negativi dello spaccio e del consumo di droga, guardando ai fatti con una certa leggerezza, forse anche con indifferenza o rassegnazione, erroneamente convinti che questa battaglia di civiltà debba essere combattuta solo da altri, come i Carabinieri o la Magistratura a cui va il nostro ringraziamento per l’attenta e solerte vigilanza”.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *